Tree Mccarthy
albero di natale o sex toy

Siamo un po’ fuori stagione per parlare di alberi di Natale… e infatti non lo faccio o meglio non completamente! L’opera d’arte, perché pur sempre di opera si tratta (forse) intitolata TREE, realizzata da Paul McCarthy (ragazzi non lo confondete con Paul McCartney), apparì a Place Vendome il 20 ottobre 2014, è completamente verde e gonfiabile, dimenticate i classici alberelli addobbati di palline e luci colorate, la sua forma lascia pochi dubbi. Non è necessario che ve lo dica. Il sex toy/Albero di Natale era parte di una fiera d’arte contemporanea (FIAC, fiera internazionale di Arte contemporanea), e diciamolo l’artista non è certo nuovo a questo tipo di polemiche, la sua arte è molto spesso sovversiva e dissacrante, che lascia ben poco all’immaginazione. Le opinioni nella capitale dell’eleganza e del romanticismo sono state contrastanti: tra ilarità e divertimento e chi grida allo scandalo, ma c’è anche chi parla di un’opera che vuole deturpare una delle più belle piazze parigine. Qualche cittadino, che non ha apprezzato “il giochino” ha visto bene di tagliare i cavi facendolo afflosciare miseramente al suolo. Questo ha creato non poco sconcerto all’interno del sistema dell’arte e non solo, ha fatto si che si mobilitassero a sostegno della libertà d’espressione, in quanto dal loro punto di vista questa è stata una censura bella e buona.

Tree è arte?
Merita di occupare il suolo pubblico?
Sono pur sempre 24 metri di virilità e di turgidità.
A voi l’ardua sentenza

Chiara Martine Menchetti

Storica dell’arte specializzata in iconografia e iconologia con una specializzazione in Storia dell’arte all’università di Pisa. Si forma professionalmente prima come assistente di galleria, Barbara Paci, poi come Direttrice della Galleria Vecchiato Arte. Dal 2019 collabora per Art-Test, società di studi e analisi diagnostiche, per attribuzioni e autenticazioni. Fondatrice del blog Mag Arte, vive di arte e di mare. Ma il suo vero sogno sarebbe stato fare la cantante, cabarettista e ballerina.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.