Il quarto stato

Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo. Una tela che è diventata un’icona. Rappresenta le rivendicazioni di una classe di lavoratori di fine Ottocento. Per realizzare questo dipinto l’artista ha impiegato molti anni. Con il risultato di tante modifiche stilistiche. Il titolo iniziale dell’opera era gli Ambasciatori della fame. Il titolo deriva da una protesta organizzata da alcuni operai stanchi, a cui Pellizza da Volpedo assistette.

Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato
Pellizza da Volpedo – Il Quarto Stato
1901
Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato. La radiografia
Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato. La radiografia

Erano stanchi del lavoro troppo duro e di esser pagati una miseria. Quell’evento lo colpì fin da subito: la rabbia, il dinamismo ed i movimenti decisi dei personaggi gli entrarono immediatamente nella mente, e proprio quell’istante sarebbe divenuto il protagonista del suo capolavoro. Andando avanti nel tempo, la tela e la storia sono state modificate. Con quest’opera l’artista vuole celebrare la vittoria della classe operaia.

Quali sono i dettagli della composizione de Il Quarto Stato?

Ci sono 3 personaggi principali: 2 uomini ed una donna con un bambino in braccio. Avete notato che è scalza? Il suo braccio è teso verso il basso. Con questo gesto sta incitando la folla dietro sé a seguirla. Questo movimento si ripercuote sulla sua gonna. Sapete chi è questo personaggio? Teresa Bidone, moglie di Pellizza da Volpedo, che morì nel 1907, dopo la nascita di Pietro. L’uomo al centro, che Giuseppe lo ha definito un uomo fiero, intelligente, per questo personaggio si ispirò all’ amico Giovanni Gatti, il farmacista di Volpedo. Cammina tranquillamente guidando il corteo, con una mano regge la cinta dei pantaloni e con l’altra sorregge la giacca sulla spalla. E l’uomo a sinistra? Ha un’espressione pensierosa, difficile conoscerne il motivo. Spostando l’attenzione sul grande gruppo in secondo piano, occupano tutto lo spazio dell’opera, e tutti guardano ovunque, il loro atteggiamento è naturale, e non sono lì per caso e non si sono neanche persi! Molti dei personaggi sono amici del pittore e sono di Volpedo, proprio come lui!

Chiara Martine Menchetti

Storica dell’arte specializzata in iconografia e iconologia con una specializzazione in Storia dell’arte all’università di Pisa. Si forma professionalmente prima come assistente di galleria, Barbara Paci, poi come Direttrice della Galleria Vecchiato Arte. Dal 2019 collabora per Art-Test, società di studi e analisi diagnostiche, per attribuzioni e autenticazioni. Fondatrice del blog Mag Arte, vive di arte e di mare. Ma il suo vero sogno sarebbe stato fare la cantante, cabarettista e ballerina.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.