quarto stato

Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo lascia il Museo del Novecento di Milano.

Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo si trasferisce nel Salone del Cinquecento a Palazzo Vecchio, a Firenze, per due mesi.

Ma ha davvero senso?
Serve questo dipinto per commemorare la festa dei lavoratori?

Il Quarto Stato a Firenze
Ph.Elena Gnoccolini

Può essere uno strumento per farci capire qualcosa che ancora non abbiamo compreso?
Dal mio punto di vista serve davvero a poco, una trovata mediatica pericolosa, viste le grandi dimensioni del dipinto.

Qual è il senso di questa operazione che appare più come un’ostentazione?
Lasciamo rispondere a voi.

Il Quarto Stato a Firenze
Ph.Elena Gnoccolini

Una cosa è certa, questo trasferimento poteva essere evitato, considerando il fatto che non c’è una mostra a giustificare questa azione, ma solo un’idea bizzarra di celebrare il 1° maggio con un dipinto posizionato in contesto fuori luogo, considerando che dovrebbe comunicare con gli affreschi Cinquecenteschi di Vasari, che vedono l’esercito di Cosimo I che sottomette il nemico…

Mi sembra evidente che non ci siano più limiti e tutele per quanto riguarda i dipinti, é quindi necessaria una ricorrenza per permettere uno spostamento?

Il Quarto Stato a Firenze, foto Dario Nardella
Ph. Dario Nardella

Un’ opera d’arte intraprende un viaggio solo se non ci sono alternative. Il Museo del Novecento di Milano annuncia che il Quarto Stato, “esce dalla sua teca in occasione del Primo Maggio” per condividere il messaggio di forza e speranza che sprigiona la marcia silenziosa e compatta“, probabilmente perché non vi è alcuna ragione scientifica che giustifichi lo spostamento.

Tralasciando polemiche varie, l’opera sarà visibile ovviamente a pagamento, solo il 1° maggio sarà GRATUITA, wow!

Può essere questa l’occasione per un approfondimento culturale?

Chiara Martine Menchetti

Storica dell’arte specializzata in iconografia e iconologia con una specializzazione in Storia dell’arte all’università di Pisa. Si forma professionalmente prima come assistente di galleria, Barbara Paci, poi come Direttrice della Galleria Vecchiato Arte. Dal 2019 collabora per Art-Test, società di studi e analisi diagnostiche, per attribuzioni e autenticazioni. Fondatrice del blog Mag Arte, vive di arte e di mare. Ma il suo vero sogno sarebbe stato fare la cantante, cabarettista e ballerina.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *